Il Consiglio di Stato ha condannato il Ministero dell’Interno per non aver riconosciuto lo status di vittima innocente della criminalita’ ad un ex servitore dello Stato ferito durante un attentato di matrice camorristica. E’ accaduto per la vicenda dell’agguato del settembre del 1982, a Monteforte Irpino (Avellino), all’allora Procuratore della Repubblica di Avellino Antonio Gagliardi e al suo autista Stefano Montuori, rimasti gravemente feriti dopo che la loro auto blindata fu raggiunta da un centinaio di colpi di arma da fuoco. L’ex autista, pur avendo pagato un alto prezzo umano, non si e’ visto riconoscere, al contrario del magistrato, ne’ lo status di vittima innocente ne’ un indennizzo dal Viminale, che ha opposto il diniego rifacendosi alla consolidata interpretazione della norma (articolo 2-quinquies D.L. 151/2008) che pone un limite nella concessione dello status se il beneficiario risulti «coniuge, convivente, parente o affine entro il quarto grado» di soggetti che hanno problemi di camorra.

Il boss della Nco Raffaele Cutolo

I cugini di Montuori furono infatti condannati per l’agguato. Peraltro la norma si applica solo ai familiari superstiti delle vittime innocenti, per cui il Viminale ha operato, nella vicenda di Montuori, «un’interpretazione analogica» che i giudici amministrativi hanno bocciato; il ministero e’ stato censurato anche per la violazione degli articoli 3 e 24 della Costituzione, che riconoscono i diritti di uguaglianza e di difesa, ed e’ stato condannato a pagare le spese del processo.

ad
Il boss latitante Pasquale Scotti
Il boss latitante Pasquale Scotti

La sentenza, sebbene riguardi il caso di una «vittima diretta» del clan, ha comunque aperto una prima crepa nel blocco normativo che negli anni ha impedito a decine di «vittime riflesse», per lo piu’ parenti di persone uccise dai clan senza colpa, di ricevere gli indennizzi previsti per legge. Come capitato, appunto, in ultima istanza anche ai familiari di Gelsomina Verde ai quali è stata negata, per una circostanza simile, l’indennizzo.

Riproduzione Riservata