Un «bottino» formato da 867 opere d’arte false sequestrate per un valore di oltre 178 milioni di euro. Questi i risultati messi a segno dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, da gennaio a novembre del 2017. Nel contrasto alla diffusione della falsificazione delle opere d’arte.

FALSO D’AUTORE:
DATI IN CRESCITA
RISPETTO AL 2016

Dati in crescita rispetto al 2016, quando il valore economico dei beni sequestrati era pari a «soli» 57 milioni di euro, presentati nella Sala Spadolini del Mibact nel corso dell’ultimo appuntamento del ciclo di conferenze intitolato «L’arte non vera non può essere arte». Un ciclo di incontri sulla contraffazione dei beni culturali che da ottobre ha toccato diverse città della Penisola. Da Ancona a Bari passando per Napoli e Palermo.

Tra i beni sequestrati, 838 sono opere di arte contemporanea che continua ad essere, spiegano i militare dell’Arma, l’«ambito di maggiore interesse per la criminalità».