Si allungano i tempi di indagine della Procura di Roma su Luca Lotti nell’ambito degli accertamenti sulla fuga di notizie nella vicenda Consip. Il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pm Mario Palazzi hanno chiesto al gip di prorogare gli accertamenti sul conto dell’attuale ministro dello sport di altri sei mesi. Lotti e’ stato iscritto sul registro degli indagati il 21 dicembre del 2016 dai pm di Napoli Henry John Woodcock e Celeste Carrano per rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento a seguito delle dichiarazioni rese dall’allora ad di Consip Luigi Marroni e del presidente di Publiacqua Filippo Vannoni. Quest’ultimo, sentito successivamente dai magistrati di Roma, ha ritrattato in parte le sue accuse, finendo a sua volta sotto inchiesta per favoreggiamento. Sulla richiesta di proroga il gip deve pronunciarsi nei prossimi giorni.

Filippo Vannoni, presidente di Publiacqua

L’iscrizione nel registro degli indagati del ministro Lotti risale al 21 dicembre 2016 e fu fatta dai pm di Napoli Henry John Woodcock e Celestina Carrano dopo l’audizione dell’ex ad di Consip Luigi Marroni. L’inchiesta e’ poi passata a Roma per competenza. Sulla richiesta di proroga delle indagini ora dovrà pronunciarsi il gip.